Con le novità dal mondo di internet, dell’informatica e della tecnologia le aziende incrementano il fatturato


I VANTAGGI PER IL COMPARTO DELLA BELLEZZA
Vendere tramite Internet è l’ultima frontiera del business, come dimostrano i dati di Netcomm e del Politecnico di Milano: l’e-commerce cresce del 20% rispetto al 2010, per un giro d’affari che ormai ha superato gli otto miliardi di euro. Per la maggior parte dei consumatori, il web attrae perché si associa a comodità, ma soprattutto, a “convenienza”. Ma il vantaggio dell’e-commerce non è solo a favore degli utenti, bensì anche delle attività, che oggi possono sfruttare questo fenomeno per vendere i propri prodotti e anche i propri servizi. Basti pensare a un centro estetico o a un salone di acconciatura: creme, shampoo, lozioni, smalti, sono un’infinità gli articoli che generalmente restano esposti per un tempo medio-lungo nelle vetrine dell’esercizio. Oggi, invece, si possono smaltire in modo davvero rapido, applicando anche promozioni o sconti, magari dedicati a quei prodotti che restano invenduti in magazzino. Ma le potenzialità dell’informatica non finiscono qui. La tecnologia ci viene incontro anche in tema di promozione. Riflettori puntati sui nuovi sistemi di Sms, newsletter, fidelity card o ancora di prenotazioni on-line, che consentono una maggiore fidelizzazione del cliente e anche incrementi vertiginosi di fatturato. Un primo esempio può essere la registrazione della e-mail del cliente alle proprie newsletter, per renderlo partecipe delle promozioni in atto o degli sconti sui prodotti; idem per gli sms: ideali anche per  ricordare gli appuntamenti prenotati, per gli auguri di compleanno e per un marketing mirato. Un secondo esempio, veramente interessante, è poi creare il proprio e-shop, in cui vendere, oltre ai prodotti, anche massaggi, trattamenti corpo, trattamenti viso o trattamenti estetici, magari permettendo al cliente di crearsi il proprio pacchetto personalizzato o di regalarlo ad un amico (tramite un voucher online). In questo modo per l’esercente resterà solo l’impegno di chiamare la persona specifica e fissare l’ora dell’appuntamento.

LA MODA SI FA HI-TECH
Se il tessile e l’abbigliamento in generale fanno rima con tradizione, sicuramente legarle alla tecnologia non può che portare aria di estrema novità. Tra le più innovative soluzioni per questo comparto, presentate all’ultima edizione della fiera Smau, degno di nota è per esempio l’innovativo Fashion Magic Mirror, uno specchio interattivo realizzato da Hypersoft e Ipotesi Design che rivoluzionerà il modo di acquistare i vestiti nei negozi di abbigliamento e accessori. Stando davanti allo specchio, infatti, si potranno ottenere informazioni sul capo e idee sugli abbinamenti, comunicare via Internet con un designer e provare i capi in modo virtuale. Altra importante innovazione è quella nata dalla collaborazione fra l’azienda F.lli Robustelli e la società giapponese Epson: stiamo parlando della stampante digitale per tessuti Monna Lisa. Si tratta dell’esempio concreto di come sia possibile conciliare l’economia con l’ecologia e rappresenta una vera e propria rivoluzione nelle tecnologie di stampa impiegate nel settore tessile. La stampante offre infatti alle aziende maggiore qualità di stampa, flessibilità e competitività sul mercato uniti a un significativo risparmio energetico: consuma infatti il 40% di acqua ed il 75% di elettricità in meno rispetto ai sistemi tradizionali. Ma se oltre ai macchinari a divenire innovativi ci si mettono anche i tessuti, si fa un salto nel futuro. Eppure l’idea c’è già ed è più moderna che mai: i ricercatori Annalisa Bonfiglio e Giorgio Mattana (Istituto nanoscienze del Consiglio nazionale delle ricerche e Università di Cagliari) e Beatrice Fraboni (Università di Bologna) hanno infatti dimostrato che da un semplice filo di cotone si possono creare dei transistor, aprendo la strada alla creazione di indumenti “intelligenti” e alla possibilità di creare interi circuiti in tessuto. Con questo tipo di indumenti, semplici da realizzare e comodi da indossare, sarà possibile ascoltare musica, monitorare il battito cardiaco o rilevare la temperatura corporea. Una buona nuova per i lavoratori a rischio, per monitorare i pazienti o per atleti che praticano sport estremi.